Self Defense for Women
Tu sei a corto di contanti, e così vai al Bancomat (ATM) per prendere un paio di banconote da 20.Stai aspettando che finisca la persona davanti a te. Essendo un Artista Marziale come te, tu naturalmente lo guardi bene dal basso all'alto, per vedere se potrebbe essere una minaccia oppure no e tu decidi che non lo è basandosi sull'insieme delle circostanze.

Dopo aver terminato ed essersene andato via, la tua supposizione è stata confermata, è finalmente il tuo turno peer poter prelevare contanti.

Siamo onesti. Questo è come ti comporti quando vai al Bancomat? Osservi che sta davanti a te e poi determini nella tua mente se è un "amico o nemico"? Se questo è il tuo caso allora è certamente un buon finale ma non un buon inizio.

In qualunque momento in cui stai andando in un luogo dove tu puoi essere attaccato, che praticamente è come dire ovunque, dall'andare al Bancomat alla porta di fronte a casa tua, tu devi iniziare a "pensare tatticamente" e questo significa valutare l'ambiente iniziando da lontano. Distanza significa tempo di reazione, tempo di reazione significa sopravvivenza. Quindi, è necessario che tu sviluppi le stesse buone abitudini che hanno i poliziotti su strada quando si dirigono verso una chiamata per un crimine in atto, ovvero tutto inizia mentre si è in viaggio.

Quando un agente di polizia riceve una chiamata di reato in corso dal centralino, ad esempio una rapina in banca, inizia a ripercorrere nella sua mente i possibili scenari che si possono incontrare, noti anche come "giochi di guerra", prima di arrivare sulla scena. Non stanno pensando," cosa dovrei mangiare stasera? "Ma pensieri tattici come, "cosa farò se vedo un'auto in fuga che si allontana dalla banca? Cosa succede se vedo uscire un rapinatore di banche armato della banca proprio mentre mi sto avvicinando? Dov'è la copertura disponibile?" E se al centralino non fossero state fornite tutte le informazioni e ci fossero più sospetti all'interno invece di uno? Dove mi posizionerò se il rapinatore si barrica all'interno della banca e prende ostaggi? Ci sono molte considerazioni a cui pensare, molte delle quali potrebbero letteralmente fare la differenza tra la vita o la morte. La banca in questione è nel territorio di competenza della pattuglia, il che significa che lui o lei conosce già la "conformazione del terreno", e quindi il poliziotto sa quali sono le possibili vie di fuga, insieme alle posizioni difensive che il rapinatore di banche può assumere. Una volta che l'ufficiale di polizia arriva sulla scena, manterrà una maggiore consapevolezza della situazione, effettuerà una valutazione delle minacce di chiunque venga in contatto e farà affidamento sulla propria formazione ed esperienza per gestire adeguatamente qualsiasi situazione che potrebbe sorgere.
Jim Wagner Police

Jim Wagner con il Departimento di Polizia di Costa Mesa (California)

Per scopi didattici, voglio che immagini di andare a un bancomat abituale vicino a te, la tua "zona di pattuglia", e ti darò alcuni suggerimenti sulla consapevolezza della situazione che dovrai conoscere lungo la strada.

Prima di tutto, la maggior parte delle rapine avviene di notte. Quindi, subito, in genere non è una buona idea andare a un bancomat durante le ore di buio. Stai solo aumentando le probabilità contro di te se lo fai. È come fare una nuotata nell'oceano in California, dove vivo, al tramonto quando i grandi squali bianchi amano nutrirsi. Potresti non essere mangiato, ma stai correndo maggiori possibilità solo nel momento in cui hai preso questa decisione. Tuttavia, ciò non significa che abbassi completamente la guardia se vai a un bancomat alla luce del giorno. È ancora un "luogo ad alto rischio".

Di giorno o di notte, prima di avvicinarti al bancomat, devi iniziare a scansionare l'intero parcheggio e l'area circostante alla ricerca di veicoli e persone sospette mentre ti avvicini. Per usare un termine militare, inizi a fare le tue osservazioni una volta entrato nell '"Area di operazioni (AO)". Forse un criminale è in agguato per rapinare qualcuno, qualsiasi "bersaglio debole" che capita, ma non è neanche lontanamente vicino al bancomat. Per non essere scoperto, il rapinatore potrebbe effettivamente fare sorveglianza sul "punto di attacco" da diverse auto di distanza o dall'angolo di un edificio adiacente. Quando la vittima ignara si avvicina al bancomat e non percepisce una minaccia, è il momento in cui il rapinatore può improvvisamente balzare sulla sua vittima. Conoscendo questa tattica criminale, se dovessi vedere qualcuno "che aspetta nell'ombra" da lontano, allora ovviamente non continuerai con la tua commissione e ti esfiltrerai fuori da lì. Devi seguire il tuo istinto e non correre rischi. Meglio prevenire che curare.

D'altra parte, se non vedi nessuno in agguato nell'area, e arrivi al bancomat in sicurezza, devi fare ciò che ogni soldato di fanteria impara mentre pattuglia a piedi, dove potrebbero esserci ostili in giro, e questo è FERMARSI, GUARDARE e ASCOLTARE. Per utilizzarlo in ambito civile, appena prima di prelevare i tuoi soldi, ti fermerai davanti al bancomat. Prima di inserire la tua carta nella macchina GUARDA tutto dietro di te e ASCOLTI per qualche secondo. Stai ascoltando i rumori che indicano che qualcuno si sta muovendo su di te: passi, sfioramento lungo il lato di un'auto, lo sfregamento di un colpo nella camera di una pistola. I criminali sono umani e sono inclini a commettere errori come tutti gli altri, come non avere la "disciplina del rumore". Se l'orizzonte è libero, esegui rapidamente un cambio di marciapiede. Vuoi ridurre al minimo il tuo tempo nella zona di attacco. Tuttavia, se ti ci vuole un po 'più di quanto pensavi, e c'è stato abbastanza tempo perché le condizioni cambiassero dietro di te, allora fai un altro STOP, GUARDA e ASCOLTA. Ovviamente, questo non è nemmeno il momento di mettere gli auricolari o di stare in vivavoce con qualcuno, perché ciò ti distrarrà e diminuirà i tuoi sensi in questa situazione tattica.

Quando esci dal bancomat devi cercare possibili punti di imboscata da lì alla tua auto, o lungo il percorso previsto se sei a piedi. Dopotutto, ora hai contanti in mano, il che ti rende un bersaglio attraente.

Ancora una volta, ho utilizzato il bancomat come esempio di formazione, ma la consapevolezza della situazione inizia da lontano per tutti i luoghi che visiterai e devi iniziare a mettere in pratica ciò che ti ho appena insegnato nel prossimo posto in cui devi andare. Dovrai pensare consapevolmente a quello che stai facendo per un po', ma alla fine diventerà una seconda natura, che in parole semplici è la memoria muscolare.

DIVENTA UN BERSAGLIO DIFFICILE

Black Belt Magazine has a storied history that dates back all the way to 1961, making 2021 the 60th Anniversary of the world's leading magazine of martial arts. To celebrate six decades of legendary martial arts coverage, take a trip down memory lane by scrolling through some of the most influential covers ever published. From the creators of martial art styles, to karate tournament heroes, to superstars on the silver screen, and everything in between, the iconic covers of Black Belt Magazine act as a time capsule for so many important moments and figures in martial arts history. Keep reading to view the full list of these classic issues.

Keep Reading Show less

ONE on TNT III gets underway on Wednesday, April 21, in primetime. And this time, the main event is a bantamweight slugfest with title implications.

American "Pretty Boy" Troy Worthen takes a main event slot to try and upend top-ranked bantamweight challenger John "Hands of Stone" Lineker as the watchful eyes of ONE Bantamweight World Champion Bibiano Fernandes look on from afar.

Lineker has been outstanding since joining the promotion with a 2-0 record, and he is coming off a stellar performance against former World Champion Kevin Belingon. As the #1-ranked bantamweight contender, Lineker hopes to be next for a shot at the gold.

However, this is not a showcase match. Worthen poses significant challenges for the Brazilian.

Keep Reading Show less

How will you perform at the moment of truth?

What's going to happen to you physically and emotionally in a real fight where you could be injured or killed? Will you defend yourself immediately, hesitate during the first few critical seconds of the fight, or will you be so paralyzed with fear that you won't be able to move at all? The answer is - you won't know until you can say, "Been there, done that." However, there is a way to train for that fearful day.

Keep Reading Show less